mercoledì 10 luglio 2019

TUTTO SU (VIA) GRADOLI - parte 4 "Quer pasticciaccio brutto" del brigadiere Merola



 ( a cura di: Franco Martines)

Immagini  di repertorio dal sito:
http://www.assopolizia.it/immagini/
Abbiamo visto,  in precedenza,  la prima "soffiata" su (via) Gradoli  ad opera di Prodi e della sua seduta spirica che portò il 6 aprile solo alle perquisizioni in agro di Gradoli (ma sulla primogenitura della indicazione "Gradoli/via Gradoli" si sono stratificate nel tempo  varie altre e controverse affermazioni, vedi ad es.  quest'articolo di Repubblica con le dichiarazioni di Labruna.  (Clicka sulla parte evidenziata).
Abbiamo poi visto la dinamica dell'allagamento al piano sottostante l'interno 11 di via Gradoli 96 e dell'intervento dei Vigili del Fuoco, nonché la successiva irruzione nell'appartamento da parte della Digos, seguita dall'entrata, nello stesso, della Polizia Scientifica, del magistrato ancora in sella, Infelisi, e di tanti altri (vedi puntate precedenti in fondo all'articolo).

Si apre ora il complesso capitolo delle indagini (che in realtà sarà più d'uno). Tra i primi ad intervenire, sulla volante Beta che

giovedì 13 giugno 2019

TUTTO SU (VIA) GRADOLI - parte 3

ENTRA IN SCENA LA POLIZIA E  SFONDA LA PORTA - Ma qualcosa nei tempi non torna.


+++ Aggiornato il 15.06.19 con riproduzioni di altri doc.ti  di via Gradoli +++

+++ Aggiornato il 14.06.19 con riproduzioni di documenti di via Gradoli +++


(a cura di: Franco Martines )

Riepiloghiamo brevemente quanto successo fin qui.

Immagine esemplificativa da Cesenatoday.it
Siamo al 18 aprile 1978; in via Gradoli 96 int. 7  la signora Nunzia Damiano alle 8 del mattino si accorge della infiltrazione d'acqua dal piano sovrastante, esce dall'appartamento per chiedere un aiuto e alle 8:10  incontra l' ex amministratore dello stabile (ma in quel momento ancora facente funzioni) Domenico Catracchia, in compagnia del custode  Giovanni Scipioni e dell'idraulico del condominio Jean Claude Teschofen. Tutti insieme verificano l'entità dell'infiltrazione, suonano senza avere risposta all'intermo 11 sovrastante, cercano inutilmente di forzare la porta e infine decidono di rivolgersi ai Vigili del Fuoco; l'idraulico Teschofen si incarica di fare la telefonata da casa sua dato che abitava vicino. 
La chiamata è registrata alle 9:47 ( quasi due ore dopo la constatazione della emergenza) e l'intervento parte dal distaccamento di Roma Prati (via Caposile 9); a bordo dell' APS (autopompa) ci sono il caposquadra Giuseppe Leonardi e i vigili Vagnoni e Gregori.

martedì 28 maggio 2019

TUTTO SU (VIA) GRADOLI - parte 2

L'ALLAGAMENTO


(a cura di: Franco Martines)


Il 18 aprile, una giornata tiepida e soleggiata, sarà un giorno in cui avvengono,
più o meno in contemporanea, due fatti eclatanti che alcuni studiosi  ritengono  anche connessi.
Vedi ad es. Gotor nel suo recente "Io ci sarò ancora" a pag. 169 edizione digitale [... Perché quella catena che unisce il sequestro di persona alla sua dimensione spionistico-informativa, proprio come la poesia di Eugenio Montale, ha «un anello che non tiene. Il filo da disbrogliare che finalmente ci metta nel mezzo di una verità». L’anello è via Gradoli, il filo è il falso comunicato del lago della Duchessa di pochi minuti successivo...]

Tanto per contestualizzare, solo tre giorni prima era stato fatto ritrovare, con le solite modalità, il comunicato n. 6 riportante la condanna a morte di Moro. [vedi nota  (1) ]

mercoledì 15 maggio 2019

TUTTO SU (VIA) GRADOLI - parte 1

La "giocosa" seduta spiritica 
(integrato e modificato il 19 maggio 2019 , vedi nota [1]  e nota [2] )

(a cura di: Franco Martines)

Immagine a puro scopo illustrativo  tratta dal sito:
https://www.youtube.com/watch?v=DKfjinCrqBE
Iniziamo questo tentativo (speriamo non  troppo ambizioso ) di mettere ordine, ordine cronologico, tra i fatti relativi  a Gradoli e via Gradoli. 
Come sempre  utilizzeremo soprattutto i documenti, collegandoli fra loro con brevi spiegazioni. 
Il lavoro è complesso e proprio per partire dobbiamo iniziare da un documento  posteriore di tre anni ai fatti cui si riferisce. 

Ma entriamo con i piedi nel piatto, anzi,  forse dovremmo dire nel piattino!


lunedì 13 maggio 2019

ANCORA SU TESTIMONI, VERBALI E RAPPORTI QUATTRO UOMINI IN TUTA


ANCORA SU TESTIMONI, VERBALI E RAPPORTI

QUATTRO UOMINI IN TUTA
Roma, Via Michelangelo Caetani, 9 maggio 1978
 Ore 12.50?
Alcuni dubbi su un rapporto dei Carabinieri e una testimonianza.

(a cura di:  Andrea Guidi)                                                            



Continuiamo il nostro studio sulle discrepanze delle testimonianze, dei verbali e dei rapporti di Polizia Giudiziaria.
Ci spostiamo, questa volta, alla tragica fine della vicenda, Roma, Via Caetani, 9 maggio 1978.

Uno studio sulla situazione di illuminazione solare della via dell'amico Gianni Pesce, pubblicato quasi un anno fa sul blog www.sedicidimarzo.org a questi links http://www.sedicidimarzo.org/2018/08/via-caetani-allarme-bianco.html#more (prima parte)  e http://www.sedicidimarzo.org/2018/09/via-caetani-seconda-parte.html#more (seconda parte),  è risultato sostanzialmente confermato da