venerdì 26 aprile 2019

PERCORSO TRA TESTIMONI E VERBALI-SECONDA PARTE: VERBALI CARENTI “PER DIFETTO”?

PERCORSO TRA TESTIMONI E VERBALI

SECONDA PARTE: VERBALI CARENTI “PER DIFETTO”?

(a cura di: Andrea Guidi)

Nella prima parte del presente studio abbiamo proposto un evidente caso di
“testimonianza fantasma”: ovvero dal complesso dei documenti analizzati, è parsa emergere la presenza di un qualche testimone di cui non risulta agli atti alcun corrispondente verbale riportante le sue dichiarazioni, sfociate, a quanto risulta, in un identikit la cui matrice risulta pertanto ancora oggi sconosciuta.. A questo link l'articolo in questione:

http://www.sedicidimarzo.org/2019/04/percorso-tra-testimoni-e-verbali-prima.html

Quello già trattato è dunque un caso esemplare di carenza di elementi testimoniali dal lato del verbalizzante (autorità di P.G. o equivalente).

Accanto a casi così palesi, si pongono poi alcuni casi in cui il contenuto delle testimonianze pone  fondati dubbi di carenze della narrazioni, ma per le quali è difficile sostenere se si sia trattato di casi di carenza dal punto di vista del verbalizzante, ovvero del testimone, o di entrambi.

Trattiamo ora , in quanto a nostro parere emblematici, i casi della testimone Maria Luisa Alliney (già incontrata nella prima parte di questo lavoro, ad altri fini), della testimone Valeria Adalgisa Rossi....

CONTINUA QUI 

5 commenti:

  1. Non riesco a leggere oltre la prima pagina. Mi viene segnalato errore. Capita solo a me?

    RispondiElimina
  2. Ho girato la sua segnalazione, grazie!

    RispondiElimina
  3. Ora funziona. Grazie

    RispondiElimina
  4. Grazie! L'ho condiviso sulla mia pagina FB.

    RispondiElimina
  5. https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/05/08/moro-i-sotterranei-di-via-caetani-e-la-mappa-in-stile-faranda/5161558/

    RispondiElimina