martedì 1 giugno 2021

LA SELEZIONE DELL’INFORMAZIONE NELLA TRAGEDIA

 

LA SELEZIONE DELL’INFORMAZIONE NELLA TRAGEDIA:

LA “SOSPENSIONE” DELLA NOTIZIA NEL TG-1 RAI DEL 9 MAGGIO 1978, ORE 13.30

**********************

 (A cura di: SEDICidiMARZO)


L’edizione “ordinaria” del Tg del primo canale RAI del 9 maggio 1978,
in onda dalle 13.30 (disponibile in rete ad un link che riteniamo di non potere indicare per motivi di tutela del diritto di autore, probabilmente ancora spettante alla RAI), era stato caratterizzato, fino alla sua conclusione,  dalle notizie, ancora incomplete a quell’ora, sulla importante riunione in atto quel giorno della Direzione della Democrazia Cristiana.

Il TG-1 aveva riferito anche della mancanza di novità nelle indagini sul sequestro di Aldo Moro, nonché dell’udienza tenutasi a Torino nel processo in corso contro i capi storici delle BR, oltre che del grave fatto della morte in Sicilia di “Peppino” Impastato.

Improvvisamente, alla ripresa del collegamento in studio dopo la chiusura del servizio da Torino, quando l’edizione del TG1 era ormai alla conclusione, un redattore consegnò alcuni fogli al cronista, che informò il Paese del contenuto di quanto appena ricevuto con queste parole, cariche di ansietà, con le quali egli concluse quell’edizione:

“Riceviamo in questo momento una notizia di Fonte ANSA.

Un cadavere in una macchina è stato trovato in Via Caetani, una traversa di Via delle Botteghe Oscure.

Sul posto si sono recati il Questore di Roma e il capo della Digos Spinella.

Cambiando il foglio, egli subito aggiunse:

Il cadavere è stato notato da alcuni passanti a bordo di un’auto parcheggiata in Via Michelangelo Caetani, una traversa di Via delle Botteghe Oscure all’altezza..all’angolo con il palazzo dove ha sede il Partito Comunista Italiano.

Il corpo del morto è riverso sui sedili posteriori dell’auto e avvolto in alcune coperte.

La polizia ha sbarrato gli accessi alla strada, tenendo lontani i giornalisti.

Nello stesso momento, gli venne consegnata in diretta, da un redattore, un’altra “velina”, che egli lesse senza soluzione di continuità:

In Via Caetani si sono recati anche- mi portano ora questa notizia- il Ministro dell’Interno Cossiga e il Sottosegretario Darida.

Per ora sono gli unici elementi che abbiamo su questa notizia, ripetiamo, dataci dall’ANSA.”.

Abbiamo voluto verificare i dispacci dell’ANSA (e dell’AGI) succedutisi freneticamente in quei minuti- che appaiono ormai dilatati lungo oltre quaranta anni – emblematici ormai di un passaggio tragico e fondamentale della Storia contemporanea del Paese.

Il risultato di questa verifica è stato sorprendente.

Si deve premettere per amor del vero che anche la Magistratura nel 1979 mostrò evidentemente di voler approfondire la questione del rapporto cronologico tra i dispacci dell’ANSA e notiziari della RAI del 9 maggio 1978 (Commissione Moro-1, vol 36, pagg. 481 e segg.).

 

Tuttavia, scorrendo i documenti liberamente disponibili, pare che la Magistratura abbia ritenuto esaustivo e soddisfacente questo rapporto riassuntivo redatto, su richiesta a sua volta della Digos,  dal Commissariato di polizia presso la Rai:

 Il confronto che abbiamo compiuto tra i dispacci ANSA ed AGI (CM-1, vol. 36, pagg. 485 e segg.)  e le testuali parole poc’anzi trascritte con le quali il cronista del TG-1 riferì quelle prime notizie, in apparenza del tutto generiche e sommarie, ci ha restituito la certezza che la redazione del TG-1 Rai, almeno in quel momento conclusivo dell’edizione ordinaria delle 13.30, sapeva già perfettamente che il cadavere di cui invece si stava parlando al Paese genericamente era quello dell’On. Moro.

Con ogni evidenza, infatti, i fogli letti dal cronista, passatigli in diretta dalla redazione e dunque per certo non a lui attribuibili, erano né più né meno, come dimostreremo, la trascrizione in sequenza parziale ed incompleta dei dispacci battuti dall’ANSA e dall’AGI; fogli che per ragioni, va da sé, ad oggi ancora sfuggenti, omettevano oggettivamente di comunicare al Paese, nell’immediato, la notizia ormai certa già a quell’ora (poco dopo le 14.00) che il cadavere rinvenuto era proprio quello di Aldo Moro.

Notizia che evidentemente il TG-1 (la direzione e/o la redazione e/o altri che non sapremmo individuare) ritenne invece preferibile rimettere alla nota edizione straordinaria andata poi in onda pochi minuti dopo, con la conduzione di Bruno Vespa.

Ciò detto, il confronto dei testi- rispettivamente orale e scritto- che abbiamo compiuto, palesa la trasmissione testuale e letterale, ma parziale ed omissiva, dei testi dei dispacci ANSA e – come vedremo- AGI.

Veniamo al dettaglio.

Confrontiamo la prima notizia data dal cronista del TG-1 con il dispaccio corrispondente, che è quello dell’ANSA – il primo in assoluto- delle ore 13.59:

 

Cronista:

Un cadavere in una macchina è stato trovato in Via Caetani, una traversa di Via delle Botteghe Oscure.

Sul posto si sono recati il Questore di Roma e il capo della Digos Spinella.”

 

Questo, con ogni evidenza, il dispaccio ANSA dal quale la notizia era stata tratta e riportata al pubblico televisivo:

Come si vede, la fedele riproduzione del dispaccio dimostra senza ombra di dubbio che il testo fornito al cronista riprendeva testualmente quello dei dispacci.

Come abbia riportato all’inizio, il cronista del TG-1, proseguì poi, dopo il primo cambio di foglio:

Il cadavere è stato notato da alcuni passanti a bordo di un’auto parcheggiata in Via Michelangelo Caetani, una traversa di Via delle Botteghe Oscure all’altezza..all’angolo con il palazzo dove ha sede il Partito Comunista Italiano.

Il corpo del morto è riverso sui sedili posteriori dell’auto e avvolto in alcune coperte.

La polizia ha sbarrato gli accessi alla strada, tenendo lontani i giornalisti.

 Questo è il corrispondente messaggio dell’ANSA:

Ancora una volta, si ha la dimostrazione di una riproduzione della notizia data dal TG-1 dal dispaccio di identico contenuto “battuto” poco prima dall’ANSA.

Dov’è dunque l’anomalia?  E’ presto detto.

Come si vede, quanto a questo specifico passaggio, non tornano, rispetto alla prima notizia poc’anzi vista, l’ordine numerico e cronologico dei due dispacci: sono evidenti, infatti, il salto dal n. 1 al n. 4, e il salto di orario, dalle 13.59 alle 14.09.

 

In quel mentre, l’ANSA aveva infatti “battuto”, alle 14.04 e alle 14.07, i dispacci numeri 2 e 3, i quali, data la sequenza consecutiva dell’emanazione, è del tutto logico assumere come fatto certo che, in un frangente epocale e in un clima di tensione ed attenzione quale quello che si stava vivendo da 54 giorni, fossero necessariamente stai acquisiti dalla redazione della RAI prima del dispaccio n. 4 che il Tg-1, invece, aveva di fatto trasmesso saltando i dispacci n. 2 e n.3, dei quali vale allora la pena riportare i testi integrali:

 


Appare quindi evidente che tra le 14.04 e le 14.07, grazie ai dispacci ANSA n. 2 e 3, anche al TG-1 Rai dovevano sapere perfettamente, mentre il loro cronista andava in onda avendo inspiegabilmente a disposizione solo i testi dei dispacci 1 e 4, che il cadavere ritrovato in Via Caetani era quello dell’ON. Moro.

La prova regina di quanto andiamo sostenendo è infine fornita dall’ultima parte della notizia letta dal cronista, dopo che gli venne consegnata in diretta l’ultima “velina” prima della conclusione del TG-1:

In Via Caetani si sono recati anche- mi portano ora questa notizia- il Ministro dell’Interno Cossiga e il Sottosegretario Darida.

In questo caso la notizia venne con ogni evidenza estrapolata da un dispaccio dell’AGI (anche perché fino all’ora di chiusura di quella edizione del TG-1 l’ANSA non riferì in alcun modo della presenza di Cossiga e Darida); il dispaccio integrale dell’AGI, delle ore 14.12,  da cui venne ripresa testualmente in modo parziale e largamente incompleto unicamente la parte conclusiva della notizia, era il seguente:


Era dunque evidente sin dalla conclusione dell’edizione ordinaria delle 13.30 del TG-1 Rai che il cadavere ritrovato in Via Caetani fosse quello dell’On. Moro.

Perché, allora, la direzione e/o la redazione del TG-1 decisero di non comunicare immediatamente ed in diretta agli italiani la notizia in tutta la sua drammatica completezza?

Perché si preferì attendere la messa in onda, peraltro immediata, come fosse bella e pronta (pochissimi minuti dopo la conclusione dell’edizione ordinaria, come ricordato dal rapporto di polizia prima riportato), dell’edizione straordinaria condotta da Bruno Vespa?

Perché, leggendo una “velina” appena portatagli, Vespa disse: “ecco, è arrivata la conferma” (del fatto che si trattasse proprio di Moro), come se cioè la notizia fosse realmente pervenuta solo in quel momento, quando invece il dispaccio ANSA recatogli, di cui egli accennò appena l’incipit (“Funzionari di polizia…”), era, come si può verificare, il dispaccio n. 3 già “battuto” da almeno dieci minuti (sopra integralmente riportato)?

Perché, ancora, poco dopo avere dato la notizia definitiva, Bruno Vespa affermò che in sostanza il dispaccio n. 4 (in effetti di tenore generico), letto poco prima dal suo collega, sarebbe arrivato prima del n. 3 (recante la conferma dell’identità di Moro, peraltro già avanzata in forma dubitativa dal precedente n. 2), quando invece il n. 4 fu “battuto” (ore 14.09) ovviamente dopo il n. 3 (ore 14.07)?

In definitiva, non dubitando della buona fede né di Bruno Vespa, né del cronista che lo aveva preceduto pochi minuti prima, resta con ogni evidenza il fatto che nella redazione e/o direzione del TG-1 dovette essere noto fin dalla conclusione dell’edizione ordinaria il fatto che il cadavere rinvenuto in Via Caetani era quello di Moro; restano quindi del tutto legittimi gli interrogativi su chi, come e perché organizzò in quel modo le informazioni pervenute e la loro trasmissione agli italiani.

La domanda di fondo, per la quale non abbiamo risposta, è in sostanza quale utilità o quale funzione ebbe per il TG-1 rinviare la comunicazione agli italiani della scoperta del cadavere di Moro all’edizione straordinaria condotta da Bruno Vespa, anziché comunicarla immediatamente alla fine dell’edizione delle 13.30.

2 commenti:

  1. La notizia, del ritrovamento del cadavere di Moro è arrivata alle 11.00 come riferito in più occasioni da Signorile che assiste proprio alla telefonata che riceve Cossiga sul ritrovamento di Moro.
    Lo stesso Darida ha riferito qualche anno fa in un intervista al tg2 che venne avvertito del ritrovamento di Moro dallo stesso Cossiga: "...tra le 11.00 e le 12.00 ma non oltre"

    La secretazione immediata della notizia del ritrovamento del cadavere di Moro, ore 11.00, è servita per due motivi ben precisi:

    Primo motivo:
    Ufficializzare storicamente la paternità dell'omicidio di Moro alle BR e non per mano di altri (Morucci telefona a casa Tritto alle 12:13)
    La telefonata a Cossiga del ritrovamento di Moro come visto prima è precedente a quella di Morucci

    Poi, la notizia viene desecretata (a orologeria) alle 14:12 e annunciata da Vespa alle 14:13 quando tutta la macchina organizzativa televisiva Rai è pronta per registrare l'arrivo ufficiale di Cossiga e dello Stato in via Caetani.

    Secondo motivo:
    Ufficializzare storicamente la presenza dello Stato a partire dalle 14.00 circa in poi.

    come dire: "Noi Stato non sapevamo nulla, lo abbiamo saputo come tutti voi cittadini e per questo ci siamo precipitati in via Caetani a verificare la fondatezza della notizia"

    amen!

    RispondiElimina
  2. Guardate il video disponibile su YT: prima che il cronista chiuda l'edizione ordinaria del TG viene chiamato al telefono e si riesce a sentire l'interlocutore dire, non rivolto al cronista e con una certa agitazione: "Che cosa c'è?! La dobbiamo dare la conferma, o no?" Evidentemente si cercavano verifiche incrociate della notizia, e probabilmente l'autorizzazione di qualche dirigente; non si dimentichi che eravamo ancora nell'epoca della TV di stato unica e sola voce ufficiale, più di ora dipendente dal Governo

    RispondiElimina